marizibill

con il fermaglio d’oro in bocca sgranocchiava

fiammiferi senza cravatta e guanti bianchi

era il tempo perso di maggio quando le cimici

passeggiano tra i libri e le donne innamorate

   soffrono della strana malattia clitoride

nel cuore della rosa che è bella

                                     come un peto diarroico

odore di grasso marizibill e di sputo fiamme

                         nel braciere

quando i capelli nudi rivestono le braccia d’oro

tra i molti prodigi della bella canzone spunta il tramway

di notte sulla vite di tunisi un calendario di fiori

è meglio ispirato ma la tristezza è più grande dei

                                                                              lillà

      degli sguardi e dei fuochi multicolori che si umiliano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: