L’Uccello Blu (ADR): 519

Le corde sono spezzate appassite sul tavolo del tempo

Niente può emozionarmi più da quando ogni speranza si è spenta

So che hanno oscurato il sole dell’aquila reale                                                                                                    Ma è il canto più bello in questa torba gialla

L’anatra coperta di cenere cerca la preda

Nel portico oscuro tra gli occhi del sonno

All’alba del secondo mese i cavalieri passeranno sul ponte                                                                                                                                                                                            la neve e le piazze del mercato

 Mentre il rigogolo farà riflessioni nella sala degli specchi

 Le corde sono spezzate appassite sul tavolo del tempo                                                                                     Tra porte aperte in un fruscio di seta

 Tra i rimasugli del sogno ognuno cercherà un fatto nuovo                                                                                                                                                                                                             Io sono vuoto come un calice di diaspro e spento senza più sogni

Per il frutto maturo la morte è in vendita

Per altre composizioni,voce L’Uomo, su: www.adierre-artgallery.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: