L’Uccello Blu (ADR): 582

Le sabbie della febbre e della carestia

Per questa vita troppo lunga                                                                                                                                     Per questa vita troppo breve

Sul fiume del ceppo sconsacrato                                                                                                                                                                       La pioggia diventa certezza

Ma il morire non è mai una decisione improvvisa                                                                                  Semmai un punto di arrivo di volontà e indecisioni

E di decisioni opposte a quelle afferrate un attimo prima

Con le umili mani del reame ossuto io non aspetto                                                                                         Che il vento verde del cielo e il diluvio fiorito

Per il giorno che diventa notte                                                                                                                                 Per la notte che diventa giorno

Per l’estate che diventa inverno                                                                                                                              Per la primavera dal gioco uguale

Tra il granaio in fiamme e la mietitura del leopardo

Per la virtù del corvo                                                                                                                                                   Per l’infamia della colomba

Gli occhi si sono chiusi a lutto su questa notte                                                                                                  Per il fango che innalza le case

La caduta senza fine della febbre nera

Alla fine la scelta di ogni morire non è per niente difficile

Per i passi sulla sabbia                                                                                                                                                 Per i passi cancellati dal mare

Saccheggiando la notte il ragno                                                                                                                            Tesserà comunque la tela per divorare la povertà

Per questo giorno dell’ultima occasione                                                                                                              Tra i corridoi dei vetri bagnati                                                                                                                                 Del damasco antico dai trofei imbrigliati

Per altre composizioni,voce L’Uomo, su: http://www.adierre-artgallery.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: