L’Uccello Blu (ADR): 376

Lo straniero ritorna a casa dove la siepe

Di ligustro è a picco sul lago                                                                                                                                       La perla pende del suo impero di mille secoli

La coppa inzuppata di seta di questa notte                                                                                                            Tra sabbia e il miele di elleboro

Il guanto a brandelli giace nell’armatura

Quando il bambino cieco tornò al trono                                                                                                            Con le vesti stracciate della vigna in fiamme

Sul ventre proteso il sudario dei segugi                                                                                                            Divorò il figlio piumato nel cerchio di polline

Dopo quattro stagioni il grano è ancora da mietere                                                                                        Un termine imposto reca non paura ma conforto e sollievo

Tra l’ebbrezza del profumo cremisi 

La mano scivola adesso silenziosa sulla stagione del pianto

Per altre composizioni,voce L’Uomo, su: http://www.adierre-artgallery.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: