Limiti dello scibile “more euclideo”

Si è detto,e forse giustamente,che ‘negli scritti di Nietzsche sono disseminati, com’è sua consuetudine tutto e il contrario di tutto’. Ma è forse questa la ragione per cui lo amo,perché uomo e niente altro che uomo, a differenza dei rapporti teoretici e dei limiti dello scibile “more euclideo”,di uno Spinoza soprattutto per il das Unegoistische,da Nietzsche osannato (cit: ‘Sono pieno di meraviglia e di entusiasmo ! Ho un precursore e quale precursore ! Io non conoscevo quasi Spinoza: per ‘istinto’ ho desiderato ora di leggerlo. Ed ecco che la tendenza generale della sua filosofia è identica alla mia…’). Ma Nietzsche,dopotutto e nonostante le apparenti asprezze ,era umano,infinitamente umano,e non ha fatto come Baudelaire,che ‘mettere il suo cuore a nudo’,e offrirlo in pasto all’antropofago suo simile. Di questo egli ne era,come sempre,pienamente consapevole,quando scrisse (Al di là del Bene e del Male, Aforismi ed interludi,66):’ La propensione ad avvilirsi, a lasciarsi derubare, sfruttare e caricare di menzogne, potrebbe essere il pudore d’un Dio in mezzo agli uomini’. Cito ancora:’ Nietzsche parla assai spesso di sé, ponendosi di fatto, oltre ciò che dichiara, come modello di vita e di pensiero; la sua riflessione si sviluppa in forte correlazione con le vicende personali spesso da lui sottoposte ad un processo di mitizzazione; di contro, l’opera spinoziana si caratterizza per la sua marcata impersonalità’……….Eppure,eppure è proprio qui l’errore e la ‘sottile menzogna’ del credo: chi esiste,ha un corpo e una mente,e quindi,in un modo o nell’altro un’idea o una ‘constatazione’ di sé,laddove perciò ogni ‘impersonalità’ è comunque impossibile. Da qui l’inganno e la mistificazione,comunque sia. Allora ben vengano gli uomini,e che come ‘Nietzsche parla(no) assai spesso di sé, ponendosi di fatto, oltre ciò che dichiara(no), come modello di vita e di pensiero’! Dal canto mio,finchè avrò respiro nel corpo,ci ho ripensato. Forse non sono ‘coerente’,forse non seguo  lo scibile “more euclideo”,ma ho deciso di continuare. Come detto,per ora,con Attila Jozsef,poi con mie poesie: L’Uccello Blu,e poi………posteris etc. ANTONIO DELLA ROCCA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: