Diogene di Sinope: Insieme alla bruna parvenza

Insieme alla bruna parvenza per il termine di tutto l’ordine delle cose ha stabilito per noi un altro perfetto diadema,simile alle orbite e alle onde dell’azzurra ebbrezza. Chi come l’aquila vola in alto è sempre solo, in ogni tempo : nel comprendere questo si giunge a confidare di non poter disporre  che d’uno spirito in grado di ripiegarsi soltanto su se stesso, sempre capace di farsi compagnia e senza mai dunque alcun bisogno di ricevere o di donare. Poiché si è davvero soli con tutto ciò che si ama,e poiché nessuno mai ama alla fine se non se stesso,la solitudine,l’appartarsi volontario dal mondo degli uomini,non diventa allora che l’incanto di tutti i soli,il più adorabile forse dei baci segreti tra tutti gli incanti di avorio e dei fiori di meliloto? La mia esperienza è  consistita nel volontariamente rimanere del tutto solo, senza moglie, senza figli e senza sostanza, appartato senza seguito e senza servitori, consapevole del tutto che il mio spirito si sarebbe degradato senza fallo se avesse abitato nel mondo. Se ti avvolgerai,mio caro Eubulo, nella seta solo di te stesso non potrai che renderti simile ad una crisalide,nell’attesa della metamorfosi che non potrà sicuramente mancare : se sarai solo, tu come me sarai del tutto tuo, e tanto abitualmente che nessuna conversazione con gli altri possa mai trovarvi  luogo. Possiedi finalmente solo te stesso e niente altro: allora le opinioni, i pensieri e i morbidi capricci altrui non potranno angustiarti in nessuna occasione. Ogni cammino che non conduca alla vera,profonda e scintillante nostra solitudine non è che errore, o al più una perdita inutile di tempo. Al mondo non esistono che due principali occupazioni,quelle relative all’oro e alle donne, nel brivido di un sudario privo del tutto di qualsiasi bellezza: ogni cosa tuttavia vi diventa subito molesta e poi, a poco a poco, un nudo dolore senza scampo. Non occorre che tra rigurgiti nei convivi,fiere inesorate e ghirlande amorose intrecciate tra i capelli,tu esca di casa fino a giungere sulle rive di Canopo: guarda te stesso,e ascolta. E’tutto qui: se cercherai grandi uomini non troverai mai altro, sempre e soltanto che le menzogne dei loro ideali. Comicità e miseria, miseria e comicità: dal mondo degli uomini,per il resto, non attenderti altro.

Annunci

Una Risposta to “Diogene di Sinope: Insieme alla bruna parvenza”

  1. mukele Says:

    Anche se silente, sappi che continuo a seguire i tuoi magnifici pezzi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: