Diogene di Sinope: Guai,solo guai e nient’altro che guai

Guai,solo guai e nient’altro che guai: la vita non è che un processo ininterrotto di guai e di cattive sorprese. Tra tutte le infamie, quella di un qualche dio è la suprema che non posso perdonare a chi afferma d’ essere il mio simile. Per tutti i tiranni tra le paure, quella della libertà di pensare è da sempre stata ritenuta la peggiore. Zeus,così affermano ,ha un luogo speciale di tenebre e angoscia,dove recare ognuno dopo la morte, là dove soffocare e urlare e piangere per sempre fino alla fine del tempo. Chi uccide un ateniese è considerato un criminale, chi migliaia di macedoni è detto essere un conquistatore: ma chi uccide tutti è un dio. In alcun luogo vedo un dio della vita,ma solo dei sacerdoti ciechi, che dal cuore incatenato in ogni modo tentano di tiranneggiare qualsiasi spirito libero: che dunque venga mai qualcuno a volermi perdonare,e a dirmi cosa mi si debba scusare tra questi commedianti insensati del proprio ideale. Egli,difatti, questo Zeus è considerato il padre e creatore di ogni cosa. Così dicono.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: