Io e mia madre, Shinkichi Takahashi

Mentre le barche attendono nel porto

il tramonto matura

la foresta di Hakone.

Gli uomini cadono come gocce di pioggia.

Io sto appollaiato

su una sedia, apro l’ombrello.

Esplosione di nuvole. Sorridendo, mia madre

si alza a sedere nella sua bara. Secoli fa.

Domani Colombo raggiungerà

(sbaglio?)

il Venezuela, questa mano

sarà usata per abbracciare o uccidere – basta

un nulla.

Sotto la vela bianca, l’universo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: