Les yeux sont faits, tra De Andrè e Riccardo Mannerini

Un’altra breve nota a margine. Ho citato De Andrè,incidentalmente, l’amatissimo Fabrizio: ’di simpatie politiche anarchiche, libertarie e pacifiste’ per riferirmi a Spoon River. Tra il ‘68 e il 1973,egli ‘iniziò la serie dei concept con Tutti morimmo a stento’,in cui compare il “Cantico dei drogati” tratto da una poesia di Riccardo Mannerini, Eroina. Pochi, almeno lo credo, conoscono e ricordano il genovese Mannerini, l’amico di Tenco,e come lui,morto suicida (precisamente,dopo essere diventato cieco, nella palestra della moglie, dove lavorava come fisioterapista). ‘ La vita è come una bella donna infedele’,diceva:’ finché te la senti, fottila, poi buttala via’. E così,e in effetti,fece. De Andrè scrisse a questo modo di lui:’ Era quasi cieco perché quando navigava su una nave dei Costa una caldaia gli era esplosa in faccia. È morto suicida, molti anni dopo, senza mai ricevere alcun indennizzo. Ha avuto brutte storie con la giustizia perché era un autentico libertario, e così quando qualche ricercato bussava alla sua porta lui lo nascondeva in casa sua. E magari gli curava le ferite e gli estraeva i proiettili che aveva in corpo. Abbiamo scritto insieme il Cantico dei Drogati, che per me, che ero totalmente dipendente dall’alcool, ebbe un valore liberatorio, catartico. Però il testo non mi spaventava, anzi, ne ero compiaciuto. È una reazione frequente tra i drogati quella di compiacersi del fatto di drogarsi. Io mi compiacevo di bere, anche perché grazie all’alcool la fantasia viaggiava sbrigliatissima. Mannerini mi ha insegnato che essere intelligenti non significa tanto accumulare nozioni, quanto selezionarle una volta accumulate, cercando di separare quelle utili da quelle disutili. Questa capacità di analisi, di osservazione, praticamente l’ho imparata da lui’. Ad memoriam,tra le lapidi di Spoon River. Suicidarsi,lo ho già detto con Giovanni Soriano,non è altro che cogliere la morte di sorpresa. Antonio Della Rocca

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: